grignaffini

Andrea Grignaffini e Giuseppe Meregalli all’inagurazione de “La Galerie 1829 & La Réserve” oenothèques vivantes della Maison Bollinger

Nel 2010 nel corso di un inventario, nelle cantine della Maison, è stato scoperto un caveau abbandonato contenente delle bottiglie e dei Magnum de Réserve di millesimi visibilmente molto datati. Nascosta dietro un muro di bottiglie vuote, questa "cave oubliée" ha miracolosamente conservato le "planchots" d'epoca sulle quali ci sono ancora le scritte indicanti la provenienza e il millesimo di certi lotti, come Le Mesnil-sur-Oger 1886, Verzenay 1893 o Ay 1914. Grazie al lavoro d'archivio intrapreso dalla Maison Bollinger, certe inscrizioni sono state decodificate e hanno permesso di risalire ai diversi millesimi, per esempio "CB14" è l'annata 1830! Un vero tesoro per lo Champagne Bollinger data la sua fondazione nel 1829, si tratta del primo millesimo prodotto. Nasce così il progetto di valorizzazione di questo straordinario patrimonio.

Nel 2012 sotto la direzione dello Chef de Cave, Gilles Descotes, la Maison inzia un'opera di restauro di questi vini anciens. Provenienti da differenti caveaux più o meno dimenticati ed in uno stato di conservazione variabile a seconda delle singole bottiglie. Alla fine sono più di 4.000 quelle minuziosamente restaurate, alcune hanno avuto bisogno di un cambio di tappi  o di muselet e al dégorgement altre, hanno necessitato un'attenzione particolare. Certe bottiglie inoltre, avendo più di 50 anni di invecchiamento sono state degorgiate  "à la volée" al fine di restaurare il tappo. Ma il savoir faire tradizionale si è unito alle nuove tecnologie con l'obiettivo di preservare questo patrimonio storico. Per valutare infatti la necessità di un degorgement à la volée, è stata utilizzata utilizza la tecnologia laser per determinare lo stato di conservazione dello champagne al fine di misurare la pressione interna delle bottiglie senza aprirle.

lagalerie1829

Sono stati necessari tre anni per completare quest'impresa titanica, che non solo ha permesso di recuperare un patrimonio eccezionale, ma ha dato anche l'opportunità di comprendere meglio la storia della Maison, le sue tradizioni, i metodi di vinificazione e le caratteristiche che contraddistinguono ancora oggi il suo stile inimitabile.

L'equipe di enologi ha così analizzato più di 150 vini in bottiglia, magnum o Jéroboam. "Il lavoro approfondito di analisi sui vini presenti nelle oenotèques e simultaneamente di ricerca nei nostri archivi storici, dettagliati e ricchi di informazioni, ci hanno fatto conoscere ancora meglio lo sviluppo dello stile unico e inimitabile delle cuvée Bollinger" ci racconta, lo Chef de Cave Gilles Descotes.

Pochi giorni fa vengono così inaugurate due oenotèques viventi: "La Galerie 1829" e "La Reserve" evento a cui prende parte un ristrettissimo numero di invitati, tra cui il nostro Presidente Giuseppe Meregalli ed il noto giornalista Enogastronomico Andrea Grignaffini.

La Galerie 1829 raggruppa le annate più vecchie della Maison, conservate dopo la sua fondazione nel 1829. Questa galleria mette in evidenza e valorizza in particolare i millesimi storici di R.D. a partire dalla sua creazione nel 1952, quelli di Vieilles Vignes Francaise dal 1969 e una collezione di rossi l'originario Bouzy Rouge che dal 1934 è diventato Côte aux Enfants, il celebre vigneto di 4 ettari acquistato da Jacques Bollinger e finalmente diventato monopole nel 1931. Le bottiglie più pregiate sono conservate sul fondo della Galleria.

La Reserve raccoglie una serie di pilastri di stile della Maison Bollinger: i magnum de réserve. Conservati varietà per varietà, e cru per cru. Questa collezione vanta più di 3000 magnum ed è unica in Champagne. Questa cave ci fa viaggiare nel tempo e incontrare aromi ricchi e potenti che come delle spezie vengono a sublimare gli assemblaggi, dopo più di un secolo.

"Siamo allo stesso tempo fieri e commossi  di presentarvi la nostra enoteca Galerie 1829 e La Reserve che raggruppa i vini di più di 65 millesimi differenti, tutti creati nella nostra Maison dopo la sua fondazione nel 1829". Jérôme Philipon, Presidente di Champagne Bollinger

vintage_2

 

 

 

 

 

 

 

 

You may be interested also in