nodi

NODI 2015 è il NUOVISSIMO Prosecco Superiore Docg ottenuto dalle uve del vigneto Col Del Vent di NINO FRANCO a Valdobbiadene

Se è vero che la migliore espressione del Prosecco quotidiano si ottiene dall’assemblaggio dei vini provenienti dall’intera zona di produzione che va da Valdobbiadene, dove le colline verticali conferiscono eleganza, a Conegliano, dove si estrae più struttura, è anche vero che secondo noi è da Valdobbiadene che si possono ottenere vini speciali da piccole particelle con caratteristiche uniche.

Si tratta di luoghi antichi, da sempre vocati alla viticoltura, dove l’orografia dei terreni impedisce l’estirpazione di intere porzioni da rinnovare, ma concede di mescolare viti vecchie con meno vecchie e con giovani come se fosse una grande famiglia.

"Non è stato per caso che nell’estate del 2014" ci racconta Primo Franco "ho calpestato per la prima volta le piantade del Col del Vent. Piccola parcella di vigna da lungo tempo proprietà della stessa famiglia e dei suoi eredi, che a prima vista lancia un messaggio: ci dice quanto vecchio sia il mestiere di vignaiolo a Valdobbiadene, e che cosa abbiano significato queste piccole proprietà per la gente del luogo quando far vin era un secondo mestiere e le filande erano il vero motore dell’economia locale. Col del Vent è un plateau che poi scende e diventa riva, ma quello che lo rende unico è l’uniformità per età delle viti che sembrano delle vecchie dame rugose, nodose e callose che riposano con maestosa vigoria in un luogo che conoscono molto bene. Non è troppo dire folgorato, perché è questo il sentimento provato quando per la prima volta ho camminato tra quei filari. La dimensione e la nodosità dei fusti, la forma dei tralci ricoperti dalle foglie belle, giovani e rigogliose esprimono armonia come si trattasse di un vestito di alta moda.

Perché quindi non ottenere un’ulteriore, permettetemi l’inglesismo, “single vineyard” di Glera? Perché non dimostrare ancora una volta l’unicità dei terreni e dei luoghi di Valdobbiadene e dei suoi dintorni? Non a caso il vigneto Col del Vent si trova a poca distanza da Grave di Stecca e dalla Riva di San Floriano da dove Nino Franco ottiene due differenti Prosecco da singola vigna. La vendemmia 2015 è stata modesta per quantità dopo che il maestro potatore Marco Simonit ha messo mano alla forbice per ridare forma e maggiore salubrità al legno vecchio, ma oggi diciamo che è stata qualitativamente eccezionale. Una maturazione completa ci ha suggerito che avremmo potuto alla fine avere un residuo più basso del solito (6g/l) e poi la sorpresa di avere ancora una volta una vera e unica espressione di territorio.

Terroir direbbero i nostri cugini francesi, ma che cos’è il terroir senza gli uomini che lavorano la terra con le mani, ma anche col coraggio, la conoscenza, l’esperienza e il rispetto per un luogo e la sua storia? Sarebbe un terroir monco".

 

Nodi 2015 è il nome che si trova in etichetta per il Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg ottenuto dalle uve del vigneto Col Del Vent a Valdobbiadene. Poche bottiglie dalla qualità che trasmette dignità ad uno spumante che oggi ha conquistato il mondo nel vero senso della parola, con il suo essere lusso democratico, ma anche vero lusso quando è raro come Nodi 2015, Grave di Stecca e Vigneto della Riva di San Floriano.

 

You may be interested also in